tralerighenoi

viaggio nelle nostre righe storte

… e ancora a proposito di firma…

Lascia un commento

A cura di Mary Muratori

Come ho detto nell’articolo precedente l’argomento è abbastanza vasto, e quindi sono qui per aggiungere altre piccole “chicche”.
Nell’articolo dicevo di controllare se ci fosse stato qualche grafologo intorno a voi prima di mettere una firma. Così come ho detto che la scrittura riesce a far trasparire gli stati d’animo del momento in cui si scrive.
Qualche tempo fa mia sorella mi ha chiesto di osservare la firma di una persona chiedendomi che cosa ci “vedevo”. La cosa che appariva evidente è che la persona al momento della firma era molto arrabbiata. Quindi le ho detto “questa persona ha firmato in un momento in cui era inca..bip.. nero”. Lei si è messa a ridere e poi ha confermato che effettivamente aveva apposto la firma dopo una discussione .
In un altro contesto, ho osservato la firma di una mia amica che stava “autografando” un biglietto di auguri. L’ho osservata e le ho chiesto: “sbaglio o siamo un po’ arrabbiati?” e lei mi ha guardato dicendo: “si effettivamente è un periodo in cui sono piena di rabbia”.
Spesso la rabbia, parlando di scrittura, si associa, con la pressione con cui scriviamo. In realtà una persona, può avere una pressione leggera, come la mia amica, ma non per questo non far capire se è arrabbiata o meno.
Tornando alla firma, chi di norma ha una firma grande (intendendo per grande di dimensione superiore al testo) può indicare, anche se non è una regola, l’affermazione del proprio io, affermazione sia sociale che professionale. Ma può anche indicare una compensazione dell’insicurezza di fondo. Come un gatto che si gonfia per apparire più grande di quanto non lo sia nella realtà.
Ci sono anche firme piccole, che può indicare un senso di inferiorità, scarsa fiducia in se stessi. Ma può anche significare una persona che non ha bisogno di palesare le proprie ambizioni, ma non per questo vuole rimanere in secondo piano.
Avete il vostro capo che anziché mettere una firma, esegue una firma astratta o usa una sigla? Di norma queste persone tendono ad essere originali: la sigla li rappresenta e chi ha a che fare con loro a livello professionale, riconosco la sigla associandola alla persona, ma oltre all’originalità sono persone che tendono a mettere un muro divisorio, fra la loro vita privata e la vita sociale. Il grafologo osserva anche dove lo scrivente appone la firma: a sinistra, al centro, a destra, vicino al testo, distante dal testo (tanto per rendere le cose facili!! ). In sintesi a destra rappresenta di norma una persona tendenzialmente ottimista, che sa prendere l’iniziativa, competitiva.
Quella posta a sinistra, va studiata in tutto il contesto e non è possibile dare una definizione univoca..quindi… iniziate a firmare a destra!!
Ed evitate di firmare al centro del foglio perché anche in questo caso, si ha bisogno di vedere tutto il contesto.
Chi firma vicino al testo scritto può indicare il bisogno di avere contatti umani e probabilmente è capace di lavorare in team.
Chi, al contrario, lascia molto spazio dal testo tende ad essere un’individualista, ama l’indipendenza e vuole essere autonomo. A voi piace lavorare in gruppo o preferite lavorare per conto vostro?… controllate, alla fine di una lettera, quanto spazio lasciate prima di firmarvi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...