La storia del semino nero

L’amore passa attraverso la semplicità!!!

C’era una volta in un luogo dove il verde e la natura erano incontaminate un contadino di nome Otto.

Lui possedeva un piccolo campo che accudiva ogni giorno con amore e dedizione.

In questo campo coltivava ogni genere di cose, frutti e ortaggi e anche fiori bellissimi.

Amava moltissimo dedicare tutto il suo tempo alla cura delle sue piantine, vederle crescere e diventare forti e belle.

La sua vita sembrava perfetta ma qualcosa gli mancava, l’amore di una donna con cui poter condividere le giornate dedicate alle piccole creature della terra.

Un giorno di estate vedendo un piccolo angolo del suo campo senza nessuna pianta decise di recarsi in paese a comprare qualche semino da piantare.

Arrivò all’emporio al tramonto quasi ad ora di chiusura, aveva dovuto aiutare un melo a sgravarsi del peso dei suoi frutti maturi.

“Buonasera Otto, qual buon vento?”

“Buonasera Fausto, volevo comprare qualche seme per il mio campo, cos’hai di nuovo?”

“Mi dispiace ma non ho molto, guarda da te nei vasi.”

L’attenzione di Otto fu colpita da un vaso vuoto nel quale era deposto un piccolo seme tondo di colore nero, solo, solo nella grande anfora di vetro.

“Prendo questo  che pianta ne nascerà?”

“Non lo so davvero, lì dentro avevo messo dei semi di papavero ma questo non mi sembra sia uno di essi, te lo regalo, fammi sapere cosa ne nasce.”

“Arrivederci Fausto e grazie”

Otto tornò a casa incuriosito da quel semino nero e brutto, chissà mai cosa nasconderà pensava tra sé e sé.

Il giorno seguente all’alba si alzò dal suo letto per cominciare la  giornata nei campi.

Prese il piccolo semino  e per prima cosa dissodò il piccolo pezzetto di terra in cui voleva seminarlo, creò poi una piccola culla tra le zolle e  ve lo depose:

“Cresci in fretta piccolino, voglio vedere presto il tuo volto”

Annaffiò con cura la terra ogni mattina, ogni sera passando di lì, di ritorno dal suo lavoro, gli parlava con amore quasi fosse un bimbo, nella speranza di vedere presto qualche fogliolina.

Erano passati 3 mesi e ancora nulla “Forse ho sbagliato qualcosa” pensò Otto dispiaciuto.

Finchè una mattina passando davanti ad esso vide due piccole tenere foglioline gialle fare capolino dalla terra.

“Ce l’hai fatta piccolino non sai che felicità mi dai”.

Ogni giorno che passava la piantina diventava più alta, Otto si era davvero affezionato a quella piantina, si sentiva responsabile di ogni suo progresso “è solo una piantina” si diceva, ma si ritrovava ad osservarla sempre più spesso nella speranza di vedere presto cosa sarebbe diventata.

Una mattina vide al posto della tenera piantina un altissimo e bellissimo girasole che si ergeva orgoglioso verso il sole:

“ohhh quanto è bello, ”pensò….”da un semino così brutto è nato un fiore così bello”.

Ne accarezzò dolcemente i petali, orgoglioso di quel piccolo seme solitario ma all’improvviso il fiore cominciò a mutare e a divenire una fanciulla dai lunghi capelli biondi.

“Cosa accade”disse Otto

La fanciulla allora gli raccontò la sua storia:

“Sono qui per te, ho girato in lungo e in largo alla ricerca di una persona dal grande cuore, una persona che sapesse amare senza preconcetti e che fosse in grado di donare il suo tempo senza chiedere nulla in cambio, ma mai nessuno aveva avuto cura di me così come tu hai fatto con questo piccolo semino brutto e nero. Ogni giorno ti ho aspettato e ogni giorno ho sentito il tuo amore per la vita e il rispetto per ogni essere vivente, voglio rimanere con te e imparare a far nascere dalla terra la vita con la stessa passione con cui lo fai tu.”

Otto sorpreso guardò la ragazza negli occhi mentre parlava e si spiegò la grande tenerezza che provava quando si prendeva cura di quella piantina e l’amore che sentiva nel vederla crescere, in quegli occhi rivide ogni momento della crescita del piccolo semino e sentì che la sua solitudine era finita.

Insieme resero la terra piena di fiori e frutti che nascevano dall’amore e dalla dedizione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: