tralerighenoi

viaggio nelle nostre righe storte

L’indiano con l’ombrello e la ragazza coi fiori

1 Commento

Le favole sono piccoli semi che si schiudono e che germogliando come fiori ti indicano la tua strada interiore.
Io sto seguendo i fiori che stanno nascendo sulla mia via.

Su un treno diretto chissà dove si incontrarono un indiano con l’ombrello e una ragazza con un vaso di fiori in una busta.
La ragazza chiese all’indiano: ” Perchè apri l’ombrello se non piove?” e lui rispose: “Per proteggermi dalle parole cattive. Tu perchè nascondi i fiori nella busta?” Lei disse :” Per proteggerli da chi li vuole strappare. Indiano facciamo cambio? Voglio provare il tuo ombrello. Io ti darò il mio vaso di fiori. Ci ritroveremo qui tra 3 giorni, su questo stesso treno.”

La ragazza aprì l’ombrello che le aveva dato l’indiano e uscì nella strada.

L’indiano prese il vaso di fiori, lo tolse dalla busta e se lo mise in tasca.

Ovunque andasse la ragazza, tutti la guardavano e le parole che piovevano sul suo ombrello erano tante e di ogni tipo.

Ad ogni passo che faceva qualcuno la importunava per chiederle dell’ombrello.

Si stufò e lo chiuse e di nuovo calò la pace intorno a lei.

L’indiano invece si dimenticò del vaso di fiori riposto nella sua tasca.
Quando la sera tornò a casa si accorse che si era rotto e che era rimasto solo un piccolo ramo che spuntava dalla terra, se ne rammaricò e pianse. Per i 3 giorni successivi lo curò con amore grazie anche ai consigli di tutte le persone che incontrandolo col vaso in mano si fermavano per parlargli.

Trascorsi i 3 giorni, l’indiano e la ragazza si incontrano di nuovo sul treno. La ragazza con l’ombrello chiuso e l’indiano col vaso pieno di fiori si videro e si abbracciarono.  Quei 3 giorni avevano insegnato ad entrambi qualcosa.  Cosa? A te lettore l’interpretazione.

Si presero per mano e lasciarono sul treno l’ombrello e il vaso di fiori e parlando allegramente uscirono dalla stazione.

Annunci

One thought on “L’indiano con l’ombrello e la ragazza coi fiori

  1. Pingback: La vita è una favola « tralerighenoi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...